I RITI

RITO DI ASSEGNAZIONE

 

Fino agli anni 70 circa, per poter sostenere quelle che sono le ingenti spese dei Riti, all'interno della Confraternita si svolgeva la gara "asta" per l’aggiudicazione dei Simboli e dei Simulacri della Processione dei Misteri.

 

Successivamente questa tradizione fu tolta e quindi i Confratelli hanno iniziato ad auto sovvenzionarsi grazie anche all'aiuto della popolazione. I Simboli e i Simulacri della Processione venivano e vengono ancora oggi assegnati ai Confratelli, a turnazione ed anche in base ad altre regole introdotte dai vari Consigli di Amministrazione.

 

Nel periodo dal 2011 al 2013 sotto il commissariamento del Cav. Leopoldo Vitale, fu introdotto la cerimonia di assegnazione dei simboli e simulacri della processione dei misteri.

Tale rito si svolge la V domenica di quaresima, la mattina alle ore 10.00 tutti i Confratelli, Consorelle e le cosiddette Forcelle, sono convocati per la Santa Messa che si tiene presso la Parrocchia e successivamente ci si sposta tutti nella Chiesa della Confraternita dove il Padre Spirituale tiene un breve momento di preghiera, terminato il quale, il Priore introduce il rito di assegnazione, dove nessuno conosce quale sarà la mansione che occuperà durante la Processione.

 

Il Troccolante dell’anno precedente, apre il rito percorrendo la navata della Chiesa facendo suonare questo antico strumento sacro per la Confraternita, consegnandola nelle mani del Priore che la depone nel suo cofanetto. Viene così proiettato un video molto commovente in cui compaiono i simboli e i Nomi dei Confratelli che lo porteranno.

 

Il primo simbolo assegnato, quello più ambito, è la TROCCOLA. Il Priore consegna tale simbolo al nuovo Troccolante che la suona percorrendo il corridoio della la Chiesa. 

 

A seguire, vengono resi noti tutti gli altri Simboli.

RITO DI VESTIZIONE DELL'ADDOLORATA

Nella settimana che precede la domenica delle Palme, detta settimana di passione, avviene un altro importante rito, quello della vestizione della Vergine Addolorata, cerimonia molto suggestiva a cui hanno l’onore di partecipare solo donne, siano esse facenti parte della Confraternita che della Comunità.

 

Durante tale momento, viene proposto un momento di preghiera.

 

Vengono scelte dal Priore, tre donne, non necessariamente tra le Consorelle, che hanno ricevuto un lutto in famiglia e/o ammalate, che hanno il compito di cambiare l’abito del Simulacro dell’Addolorata.

DOMENICA DELLE PALME

La domenica delle Palme, alle ore 9.30, tutta la comunità si raduna nella Chiesa del Carmine per il rito della benedizione delle palme e subito dopo con una breve processione che rappresenta l’ingresso di Gesù in Gerusalemme, ci si reca presso la Chiesa parrocchiale per la Solenne celebrazione Eucaristica durante la quale viene letto il PASSIO CHRISTI.

GIOVEDI' SANTO

Inizia così la Settimana Santa, anticamente chiamata Settimana Maggiore.

 

Il giovedì Santo nelle prime ore della sera, nelle Chiese Parrocchiali si celebra la Messa in Cena Domini in cui 12 confratelli, in abito di rito ricevono la lavanda dei piedi.

 

Al termine della liturgia, con una breve processione il celebrante pone sull’Altare della Reposizione il SS. Sacramento e dal quel momento fino alle ore 00.00 i Confratelli adorano il Sacramento dopo essere usciti in pellegrinaggio, dirigendosi verso le due chiese parrocchiali.

PAg. 3

PAg. 1

Confraternita di Santa Maria del Carmine

Corso Vittorio Emanuele II, 130 | Talsano - Taranto | carmine.talsano@confraternite.taranto.it

© 2015 ~ Creato da Giuseppe Di Dio.  Tutti i Diritti sono Riservati.